top of page
  • AC Scuola Montessori APS

DE ROSIS NASCENTIBUS

di Andrea Fundarò

ex studente Liceo Classico


Era la primavera ne l’or che l’alba,

 da’ freschi zefiri morsa dolcemente

 indorando il ciel si fa men scialba;  3

e pria che ‘l sol saëttasse rovente

 poggi, sentier, fiumi e cittati,

 un vento già soffiava d’Eoo più strignente,  6

quand’i’ per crocicchi e roridi prati

 di bel meriggio errando mi fermai

 gli spirti a ristorar ch’eran fiaccati.  9

E dura in su le molli gramigne trovai

 pender la brina e surger su le verzure,

 e le gocce giocar inanti a’ miei rai.  12

Ne gli orti di Pesto e ne le sue pinture,

 con che Natura ‘l mondo abbellisce,

 vidi rose fiorir vermiglie e sicure,  15

allor che d’Orïente perisce

 ogni stella nel ciel, se non quella sola

 che Lucifero è detta e non sbiadisce.  18

Tra arbori e pruni, ove s’invola

 ogni giglio, ortensia e gelsomino,

 una gemma splendea sì ch’umana parola  21

non può già dir di quel bel giardino,

 ch’una ad una e vie più biancheggiando

 a l’òccaso lustrava e al mattino.  24

Nol dimandar, lettor, ché dubiteresti

 s’a le rose ‘l color e l’aspetto divino

 la concubina di Titon, qual mai vedesti,  27

sanz’altra arte tutto rapisse,

 o ver ella nascendo que’ fiori onesti

 del suo vermiglio e rancio colorisse.  30

Uno il sangue e uno il viso

 e una a entrambe l’eclisse:

 ché a le stelle e a’ fior è assiso  33

questi e quelle a guardar Amore,

 Amor che m’ha più volte anciso.

 Forse ancor uno è l’odore,  36

ma quel per l’etra com’aura si spande

 e da la terra l’altro, qual vapore,

 sale e fiata qua giù ove si prande.  39

A le rose e a gli astri insieme

 Cipri donò, più che a quercia le ghiande,

 la porpora, di re magnifico seme.  42

Mort’era già la fiorita stagione,

 quando le erbe novelle e sceme

 ad or ad ora, in schiera e ‘n girone,  45

occupate avean equali porce:

 da un letto di frasche e d’un petrone

 questa era coverta come la force;  48

d’un color quella tinta di corallo;

 la terza, ove l’appetito più si torce,

 al ciel apria la sua guglia di cristallo.  51

Spiegavan tutte le veste e’ manti

 di mille trame, ch’a noverar io fallo,

 né dimorâr tra loro più avanti  54

che del ridente canestro la bellezza,

 del biondo croco mi scoprirno e di quanti

 Natura parturì fior di tal baldezza.  57

E un di loro rinnovava le chiome

 d’un foco sì che la sua chiarezza

 in quel giardin corruscava come  60

ne la notte la folgore di Giove;

 or pallido e smorto il suo lome,

 quasi da lui consumato, le nuove  63

foglie più non mettea in questo mondo.

 E io mirava, e ‘l pensier non altrove

 che ‘n quel secreto ficcava sì profondo,  66

per cui vola il tempo, fugge e s’avaccia:

 il fior che nato è a tutti giocondo

 oh come ‘nvecchia e come agghiaccia!  69

Ecco s’è spento de la rosa favellando

 il crin vermiglio qual la vernaccia,

 qual la micante terra rosseggiando.   72 

Tante oneste e varie e giovenili

 parvenze chiude e schiude a suo dimando

 la Parca che gli stami rompe sottili.  75

Oh Natura, Natura, troppo è breve

 ad un fior la vita, a noi puerili

 le lagrime e’ sospir, e’l dolor greve!  78

Ché tu rapisci a’ nostri occhi,

 com’a fanciul che un dono riceve,

 que’ che mostrasti vaghi balocchi,  81

Come un giorno, sì è lunga de la rosa

 la vita: e in mille trabocchi

 sorgendo ‘l sol la vede gloriosa,   84

là dove vecchia e canuta la notte.

 Ma ella sa che a morir si riposa,

 e in altra vivrà più altera.   87

Cogli la rosa, finch’ella è fiorita,

 finché giovane sei e l’aer non s’annera:

 pensa che breve a te fugge la vita.  90



3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page