top of page
  • AC Scuola Montessori APS

CONSIGLI DI LETTURA

di Alessandra Gigliotti

docente di Italiano e Latino presso il Liceo Statale "Maria Montessori"


Le sette morti di Evelyn Hardcastle di Stuart Turton


Scheda: Blackheath House è una maestosa ed enorme residenza di campagna circondata da una foresta oscura e quasi impenetrabile. In questa tenuta ha luogo un evento misterioso e cruento: l’omicidio di Evelyn, la giovane e bella figlia di Lord Peter e Lady Helena, che scivola lentamente nell'acqua del laghetto che orna il giardino antistante la casa, uccisa con colpo di pistola al ventre.

Questo omicidio ha una particolarità: non avviene una volta soltanto. Evelyn Hardcastle non muore, infatti, una volta sola ma la scena si ripete, incessantemente, giorno dopo giorno, finché l’omicidio non sarà risolto.


Riflessione da lettrice: Se un mattino ci svegliassimo e, guardandoci allo specchio, non riuscissimo a riconoscerci? Se ogni giorno indossassimo i panni di un altro? Impossibile, potreste rispondermi. Possibilissimo ribatterei, mostrandovi quanto tutto possa diventare incerto, anche il nostro “Io”. Gli impavidi che leggeranno questo romanzo (ci vuole davvero molto coraggio!) avranno la sensazione di trovarsi all’interno di un wormhole che li catapulterà in un universo parallelo in cui non esistono verità assolute e l’identità è solo una possibilità.. 



Le vergini suicide di Jeffrey Eugenides

Scheda: Le vergini suicide è il racconto di un’ossessione amorosa di un narratore “collettivo” che si fa portavoce di un gruppo di ragazzi. Oggetto di tale ossessione sono le cinque sorelle Lisbon, giovani misteriose e affascinanti accomunate da un unico e triste destino. Il narratore ci racconta, a vent’anni di distanza dai fatti, la loro storia e la loro tragica fine diviene il simbolo dei desideri perduti.

Riflessione da lettrice: Esistono dei libri che hanno il potere di stravolgere la nostra vita per sempre. La storia delle sorelle Lisbon lascerà in chi avrà la fortuna di imbattersi nelle pagine di questo piccolo capolavoro un segno indelebile. Nessuno sarà più lo stesso dopo averlo letto.



UN CLASSICO


La pelle di Curzio Malaparte

Scheda: Una terribile epidemia dilaga a Napoli dal giorno in cui, nell’ottobre del 1943, gli eserciti alleati vi sono entrati come liberatori: un morbo che corrompe non il corpo ma l’anima, spingendo le donne a vendere il proprio corpo e gli uomini a sacrificare il rispetto di sé pur di salvare la propria “schifosa pelle”. La peste – è questa l’indicibile verità – è nella mano pietosa e fraterna dei liberatori, nella loro incapacità di scorgere le forze misteriose e oscure che a Napoli guidano e governano gli uomini, nella loro convinzione che “un popolo vinto non possa che essere un popolo di colpevoli”. 


Riflessione da lettrice: “Lasciate ogne speranza, voi ch’intrate.” 

Questa è la frase che può riassumere brevemente ed efficacemente l’esperienza che si troverà a vivere chi “sprofonderà” nelle pagine di questo romanzo caratterizzato da uno stile denso, preciso, univoco e perfetto. Difficile leggerlo senza provare costantemente la sensazione di un pugno nello stomaco. 


UNA CHICCA 


Il problema dei tre corpi di Cixin Liu

Scheda libro: Nella Cina della Rivoluzione culturale, un progetto militare segreto invia segnali nello spazio cercando di contattare intelligenze aliene. E ci riesce: il messaggio viene captato da Trisolaris, l’unico pianeta superstite di un sistema orbitante attorno a tre soli, dominato da forze gravitazionali caotiche e imprevedibili, che hanno già arso undici mondi. Gli abitanti di Trisolaris sanno che anche il loro destino, prima o poi, sarà segnato e, anche loro sprofonderanno nella superficie rovente di uno dei soli. A meno di non trovare una nuova casa. Un pianeta abitabile, proprio come il nostro…


Riflessione da lettrice: Questo romanzo non è per tutti. Solo chi sa immergersi nell’abisso potrà osare leggerlo. Non rischiate se non siete dei visionari. Io vi ho avvertito.




7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page